Insegnanti ed istruttori di autoscuola

Corsi di aggiornamento

Da settembre 2016 sarà possibile frequentare presso la nostra autoscuola il corso di aggiornamento per gli insegnanti ed istruttori di autoscuola al fine di mantenere attiva la propria abilitazione.

 

Ricordiamo che come indicato dal decreto del Ministero dei Trasporti, la formazione periodica è ripetuta con cadenza biennale a decorrere dalla data dell'ultima scadenza o dalla data di superamento del proprio esame di abilitazione. Il corso di formazione periodica può essere frequentato a partire dal sesto mese antecedente il compimento del biennio; in tal caso la validità dell'abilitazione è rinnovata senza soluzione di continuità. Qualora il corso di formazione periodica sia frequentato dopo lo scadere del predetto biennio, da tale data di scadenza e fino alla avvenuta frequenza del corso è fatto divieto di svolgere la professione di insegnante od istruttore di autoscuola. Per l'avvio del corso sarà necessario un numero minimo di iscritti, scaricate il modulo di iscrizione dalla sezione corsi, sarà nostra cura tenervi informati.

 

MODULO DI CONTROLLO DELLE ASSENZE

Come è noto, già da tempo, il conducente che non svolge la propria mansione era obbligato a giustificare la propria assenza tramite il "modulo assenze". L'obbligatorietà di questo modulo era data dalla necessità di dover dimostrare, in fase di accertamento, la propria attività svolta negli ultimi 28 gg; secondo quanto previsto dal regolamento CE 561/2006.

Le cose cambiano dal 1 settembre 2016, quando la Commissione Europea ha chierito la propria posizione in merito.

Riportiamo di seguito parte del testo della circolare:

"La Commissione Europea, sulla base della Commission Clarification n. 7 adottata in materia, ha chiarito che la redazione del modulo di controllo previsto dall'art. 9 del Decreto legislativo n. 144/2008 non sia più obbligatoria dopo l'entrata in vigore delle disposizioni del Regolamento UE/165/2014. In altri termini, la Commissione Europea invita gli Stati membri ad accettare il citato modulo per giustificare le assenze in esso indicate, senza tuttavia renderlo obbligatorio e sanzionare i conducenti che ne fossero sprovvisti.

Con la presente circolare si ribadisce, pertanto, l'inapplicabilità delle sanzioni già previste dall'art. 9, commi 4 e 5, del decreto legislativo 4 agosto 2008, n. 144 (3), ferma restando la facoltà dell’impresa di trasporto di redigere il modulo in esame, da esibire in sede di controllo in una prospettiva di collaborazione per chiarire le eventuali assenze nell'arco dei ventotto giorni. "

 

Share by: